domenica 11 ottobre 2015

Il muro invisibile –Harry Bernstein

Casa editrice: PIEMME
Anno di pubblicazione: 2009
Nr. pagine: 315
Prezzo di copertina: € 10,00

Voto personale: ❤❤❤❤
 



" Harry è un ragazzino di quattro anni, il più piccolo di cinque fratelli. Il padre, un ebreo immigrato dalla Polonia, lavora alle manifatture tessili, sperperando gran parte del suo salario al pub e sfogando sui figli la rabbia per una vita di stenti. La madre manda avanti la famiglia come può, ricorrendo a mille espedienti. La loro povera casa si allinea con altre simili su una strada di ciottoli di una cittadina industriale nel nord dell'Inghilterra. Una strada come tante, ma solo in apparenza, perché al suo centro scorre un muro invisibile: gli ebrei da una parte, i cristiani dall'altra. Due mondi con usanze, credenze, pregiudizi diversi si fronteggiano, quasi non fossero parte di un'unica realtà, quella della miseria. La Prima Guerra Mondiale incombe, e con essa eventi che cambieranno per sempre la vita della famiglia, e quella della strada. Ma solo l'amore contrastato di Lily, la sorella maggiore di Harry, per Arthur, un ragazzo cristiano, sarà in grado di aprire una crepa nel muro, lasciando filtrare un raggio di luce. "
 
Anche questo è uno dei libri che mi hanno prestato di recente e ne sono contenta perché se non lo avessero fatto magari non l’avrei mai letto. A me generalmente non piacciono i libri che trattano di argomenti duri come la persecuzione degli ebrei, non perché non mi interessi l’argomento ma perché sono scritti in un modo che non rende scorrevole la lettura. Ad esempio ho provato in passato a leggere Il Diario di Hanna Frank, Se questo è un uomo di Primo Levi e altri ma ricordo di averli iniziati senza poi riuscire a proseguire perché erano pesantissimi. (E’ anche vero che è passato molto tempo, magari dovrei riprovare!)
Questo racconto è ambientato in Inghilterra ai tempi delle persecuzioni contro gli ebrei ed è raccontato interamente dagli occhi del protagonista quando era bambino, non potrebbe mai essere pesante! Harry racconta ogni episodio con l’innocenza tipica dei bambini per cui anche un episodio triste è raccontato con un velo di dolcezza e tante volte riesce anche a far sorridere.
Ottima lettura!
 

Nessun commento:

Posta un commento