sabato 24 ottobre 2015

La strada fra le montagne - Elizabeth McGregor

Casa editrice: SONZOGNO
Anno di pubblicazione: 2004
Nr. pagine: 394
Prezzo di copertina: € 6,50

Voto personale: ❤❤
 
 
 
 " Oxford, dieci anni fa. Anna e David sono studenti universitari e sono innamorati. Perdutamente. Fanno sogni di vita insieme, di viaggi lontani, in Cina, sulle orme di Ernest Wilson, l'esploratore che a cavallo del '900 andò alla scoperta delle meraviglie botaniche dell'Oriente. Poi un giorno, all'improvviso, Anna se ne va, senza una parola. Boston, oggi. David ritrova Anna, che giace in coma in un letto d'ospedale in seguito a un incidente, e scopre l'esistenza di Rachel, la figlia che non sapeva di avere, il 'perchè' della fuga precipitosa di dieci anni prima: una bambina molto dotata, ma chiusa in un mondo tutto suo. Nel silenzio ovattato della stanza, pensieri e ricordi s'intrecciano, mentre l'affascinante racconto del meraviglioso viaggio in Cina, a lungo sognato, diventa il ponte che David getta alle sue due 'donne' per invitarle a percorrere la distanza che le separa da lui... e dal mondo. Un grande romanzo che racconta, con intensità poetica, di viaggi del cuore e della mente, viaggi diversi ma con un unico scopo: ritrovare qualcosa di sconfinata bellezza che potrebbe altrimenti perdersi per sempre. "
 
Anna e David si sono conosciuti al liceo e si sono innamorati.
Lei è un'artista di Boston in viaggio per motivi di studio ad Oxford e lui uno studioso di botanica.
Poi ad un certo punto lei scopre di essere incinta e spaventata ritorna a Boston dalla madre dove, senza dire nulla a David, da alla luce la piccola Rachel, una bambina autistica.
Nonostante le innumerevoli lettere e telefonate da parte di David, Anna non vuole spiegare il motivo per cui lo ha lasciato e fa perdere così le sue tracce. David, pensando che lei non lo ami più,  si rassegna e cerca di dimenticarla.
Dieci anni dopo Anna subisce un grave incidente in autostrada e rimane in coma nel letto dell'ospedale.
Sua mamma Grace che non riesce ad accettare James, l'attuale compagno di sua figlia, decide di chiamare David ed informarlo della situazione in cui si trova Anna, svelandogli di avere una figlia di nome Rachel e chiedendogli di venire subito in ospedale.
David, inizialmente scioccato e  contrariato, decide poi di prendere un volo per Boston ed andare quindi da Anna e conoscere per la prima volta sua figlia.
Subito James si intromette pensando di sapere meglio di David, e perfino della mamma Grace, cosa sia meglio per Anna e Rachel.
James non sembra realmente innamorato di Anna, di fatti la tradisce diverse volte con diverse donne , anzi sembra molto più interessato a far soldi vendendo le opere di Anna.
E proprio mentre lei si trova in coma , lui ruba dalla sua casa tutti i suoi quadri e li porta alla sua galleria per venderli convinto che Anna ormai non ha più speranze e che per lei sia giunta ormai la morte.
Intanto David scopre i motivi per cui Anna lo ha lasciato dieci anni fa e decide di restarle accanto e di prendersi cura della difficile Rachel.
Le infermiere consigliano ai familiari di parlare con Anna e di posare in mano diversi oggetti per lei importanti che possano aiutarla ad uscire da questo stato di incoscienza in cui si trova e di fatti questo funziona e Anna si risveglia dal coma.
 
Raccontata in questo modo la storia può sembrare anche interessante, drammatica e commovente (ovviamente sono stata molto breve e concisa) , in realtà devo dire che non mi è proprio piaciuta.
Ho trovato questo libro molto noioso e ho dovuto proprio saltare diverse pagine, cosa che non faccio mai, perché mi era impossibile continuare a leggerle.
In particolar modo mi riferisco ai brevi capitoli (4-5 pagine al massimo) in cui Anna, addormentata dal coma, sogna di compiere il viaggio che David aveva progettato per loro dieci anni prima: un lungo viaggio attraverso le montagne della Cina per ripercorrere le orme di Ernest Wilson, un botanico idolo di David, che ha scoperto diverse specie di fiori e le ha poi diffuse in tutto il mondo.
Si susseguono pagine e pagine di descrizioni ossessive di piante e fiori e liste interminabili di nomi di specie in latino.
Proprio non ce l'ho fatta e sono passata oltre.
E poi non ho capito alcuni passaggi del libro: ma Garret che fine fa? Per quale motivo Anna è scappata da David? Che cosa vuol dire che ha visto in lui qualcosa di simile a suo padre ( il padre di David) che l'ha spaventata? Garret picchiava le donne con cui andava a letto? E Grace muore mentre Anna si risveglia dal coma?
Mi sembra un libro che cura decisamente troppo l'ambientazione e quello che gli sta intorno,  chiudendo però in qualche modo la storia principale senza preoccuparsi che abbia un senso logico.
 
Magari sono io che non capisco niente di questo genere e non ho colto il senso del libro... Mi piacerebbe davvero sentire il parere di qualcun'altro al quale sia capitato di leggere questo libro.

Nessun commento:

Posta un commento