mercoledì 1 marzo 2017

Il grande Miao - Paul Gallico

Casa editrice: RIZZOLI
Anno di pubblicazione:
2016
Numero di pagine:
174
Prezzo di copertina:
€ 16,00


Voto personale:




Un classico senza tempo: pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 1964, Il grande Miao vuole essere un manuale per gatti di tutte le età, e soprattutto per gattini alle prime armi che si apprestano a «conquistare» una famiglia. Voce narrante è una micina molto furba, scaltra e intelligente, che elargisce consigli e rivela stratagemmi su come sottomettere e addestrare «i bipedi». Non manca proprio nulla: dalle puntuali ed esilaranti descrizioni dei comportamenti di uomini e donne, alle istruzioni su come gestire bambini e scapoli; dalle indicazioni su come impadronirsi di poltrona e letto, a quelle su come affrontare eventuali visite di sconosciuti o le festività natalizie. Con tono vivace e un’ironia accattivante, Paul Gallico offre uno sguardo divertente e originale sulle varie idiosincrasie di noi bipedi e ci accompagna nella mente dei nostri amici felini, dei quali sapremo riconoscere, con un sorriso incantato e arreso, tutte le tattiche e gli atteggiamenti qui deliziosamente raccontati.
 
___________________
 
 
"Quando ero una gattina molto giovane ebbi la sfortuna di perdere la mia mamma e di ritrovarmi da sola nel mondo all'età di sei settimane.
Dopo circa una settimana di vita all'aria aperta e una rivoltante dieta a base di larve e insetti, presi la decisione di sottomettere una famiglia e diventare un gatto di casa..."
(capitolo 1, La conquista)

Inizia così il manuale che questa gatta, ormai adulta e navigata, ha scritto per aiutare gli altri gatti che come lei, per avere un tetto sopra la testa,  hanno deciso di "sottomettere" una famiglia di "bipedi".

Si tratta di un manuale davvero piccolo, di solo 174 pagine e formato da tanti piccoli capitoli che trattano i temi più svariati.
E' un libricino davvero esilarante che io ho letto in un'oretta.
Sono un'appassionata di gatti , ne ho avuti molti nel corso degli anni per cui leggere questo libro mi ha fatto ripensare ai loro molteplici atteggiamenti e mi ha divertito tantissimo.
Si sa, i gatti hanno spesso un'aria molto altezzosa nei confronti degli uomini ed infatti è proprio con questo senso di superiorità che la gatta protagonista racconta la sua esperienza.

" Acquisiti. Non mi viene in mente espressione più adeguata per descrivere cosa succede quando mettiamo le zampe sugli esseri umani.
Nel giro di una notte, avviene una sorta di rivoluzione: la loro casa, e di conseguenza consuetudini e abitudini, non gli appartengono più.
Da quel momento appartengono a noi"
(capitolo 1, La conquista)

" Non vi vorranno sul letto, e allo stesso tempo vi ci vogliono eccome.
Il punto è che i bipedi non possono avere entrambe le cose: o il territorio è vostro, o non lo è, e siccome loro saranno incapaci di decidere, dovrete farlo voi."
(capitolo 3,Diritti di proprietà)

" Che siamo gli animali più aggraziati del mondo mi pare lampante, e questa cosa deve restare in cima ai vostri pensieri ogni volta che vi muovete o assumente una posa: quando vi sdraiate o vi sedete, quando camminate o vi lavate, quando dormite, giocate o cacciate.
Bisogna che i nostri bipedi si trovino sempre in uno stato di fascinazione e sconcerto, così da non soffermarsi mai ad analizzare come stanno veramente le cose fra loro e noi: ovvero, fino a che punto noi siamo diventati padroni a casa loro."
(capitolo 7, Pose)

Queste sono solo alcune delle parti che mi sono piaciute di più all'interno del libro, ma ce ne sono davvero tantissime che ho sottolineato nei vari capitoli.
E' esilarante anche la descrizione che la gatta fa degli uomini e delle donne:

"Urlano, strillano, danno ordini ed emanano editti, e le loro donne glielo  permettono perché sanno benissimo che, a sfuriata conclusa, di norma si sentono uno schifo e finiscono per fare quello che le donne volevano fin dall'inizio.
Il trucco sta nel fargli credere che sia stata un'idea loro."
(capitolo 2, I bipedi - Gli uomini)

"Per farvi amica la donna di casa, non utilizzate mai gli stessi metodi e trucchetti che avete utilizzato per allisciare l'uomo. Non funzionerebbero, e per una ragione molto semplice: molto probabilmente sono gli stessi che lei ha già impiegato su di lui.
Le donne ci assomigliano parecchio."
(capitolo 2, I bipedi - Le donne)

Ed è proprio su quest'ultima frase che prendo spunto per la mia prossima lettura: "Quello che i gatti insegnano alle donne" di Sabine Jansen-Nollenbug.
Su questo libro vi saprò dare un parere a lettura ultimata ma per quanto riguarda "Il grande Miao", leggetelo assolutamente!
Soprattutto chi ama alla follia i gatti, con questo manuale imparerete ad amarli ancora di più.
E per chi invece non li ama, potreste imparare a rispettarli in quanto esseri decisamente superiori!

 

Nessun commento:

Posta un commento